Nave, prima mossa a rimorchio, poi a remi, sfarzosamente maestosa, usata a Venezia ogni anno, all’Ascensione, per lo sposalizio del mare, dal Doge e dalla serenissima signoria. La cerimonia risale al 1311 ed era intesa a commemorare la vittoria dei Veneziani sui pirati dalmati nell’anno 1000. L’origine √® da ricercare nell’augurio che il papa Alessandro III, riconoscente per l’ospitalit√† ricevuta, rivolse al Doge: “Che il mare ti sia sottomesso come la sposa allo sposo”.